Ashwagandha

Dalla medicina ayurvedica il rimedio di lunga vita con un grande potenziale dimagrante

0 759

Whitania somnifera 

Chiamato ginseng indiano, l’ashwagandha è una delle erbe più potenti della tradizione ayurvedica, rigenerante, calmante e rasserenante.

Nella medicina indiana questa pianta e’ considerata tra i rimedi di lunga vita in grado di aiutare l’organismo a trovare equilibrio fisico e mentale al fine di una vita serena e più lunga possibile.

La sua azione in vista del dimagrimento e’ mirata al rilassamento: contrastando ansia, irritabilità ed insonnia: le cause che  spingono al cibo, in maniera non controllata, scatenando la cosiddetta “fame nervosa“. 

Un potente anti stress con potenziali dimagranti 

L’ ashwagandha è un arbusto della famiglia delle solanacee (la stessa delle patate) .

Ashwagandha ashwagandha Ashwagandha ashwagandhaLe parti edibili, foglie e radici, sono ricche di principi attivi che agiscono sull’organismo adattandolo ed facendolo resistere allo stress, cioè riportandolo in equilibrio. Le molecole responsabili di questi effetti sono i witanolidi, antinfiammatori e anticancerogeni ed alcaloidi come la witasomnina, aminoacidi come il triptofano precursore della serotonina, che agiscono sulla qualità del sonno e modulazione dell’umore.

Da molto tempo sappiamo che l’ansia e lo stress inducono la produzione di cortisolo che viene prodotto dalle ghiandole surrenali. Il cortisolo ha molti effetti ma uno dei principali è alterare il metabolismo di carboidrati, lipidi e proteine. Più specificatamente aumenta i livelli di zucchero nel sangue, la cui conseguenza e’ la formazione di tessuto adiposo.

La withania limita la produzione di questo ormone, dunque si propone come un valido aiuto in un piano alimentare a limitare e/o a contenere l’aumento di peso. Un recente studio indiano ha messo in luce un altro effetto di questa pianta: quello di normalizzare i livelli di glicemia se somministrata dopo i pasti. Questo effetto regolatore e’ un ulteriore dimostrazione del suo utilizzo nel dimagrimento.

E’ stato inoltre dimostrato la capacita’ della withania di ridurre l’infiammazione in soggetti obesi, controllando il turn-over delle cellule predisposta generare grasso cioè inibendo l‘adipogenesi negli adipociti.

In conclusione possiamo dire che in un piano alimentare mirato al dimagrimento, l’uso di questa pianta, può aiutare il paziente ad ottenere ottimi risultati sopratutto sfruttando l’azione ansiolitica ed antinfiammatoria ed adattogeno, calmando fame nervosa e stress.

Utilizzo e controindicazioni 

La withania si trova in commercio in compresse o capsule, da assumere 2, 3 volte al giorno, o polvere da sciogliere in acqua in dose di due cucchiaini, due volte al giorno. Ha rari effetti collaterali, non irrita le mucose, dunque non ci sono problemi per gastriti e problemi di reflusso esofageo.

Prudenza se assumete psicofarmaci e consultate il vostro medico in caso di ipertiroidismo.
Evitare l'uso in gravidanza ed allattamento.

 

Ashwagandha, Dott.ssa Elisabetta Lenti Biologa Nutrizionista

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo device, iscriviti subito.

Lascia una risposta