Fame, cos'è?

0 985

Fame, cos'è?

Il senso della fame accompagna tutti sin dalla nascita, ma vi siete mai chiesti cos'è la fame?

Parto con illustrarvi la definizione di fame che rappresenta la necessità di assumere cibo, dovuta ad una particolare sensazione di vuoto all'epigastrio, provocata da uno stimolo nervoso che parte dallo stomaco.

Antropologicamente, rappresenta il meccanismo fondamentale per la sopravvivenza, è un messaggio che il cervello manda al corpo per fargli capire che le riserve energetiche stanno diminuendo e se si vuole aumentare l'efficienza dell'organismo è necessario assumere altro cibo!

Nel sistema limbico sono presenti dei mediatori chimici che controllano il senso di fame e danno sazietà, in particolare si può annoverare la leptina che inibisce a sua volta la produzione di grelina che è il suo ormone antagonista, ovvero deputato al senso di fame.

Allora perché si sente spesso parlare di fame nervosa?

Possiamo distinguere due tipi di fame: fame fisica e fame nervosa:

  • Fame fisica (o fisiologica): si innesca gradualmente dopo un periodo prolungato di digiuno. A questo punto per soddisfare la sopravvenuta necessità dell'organismo, posso decidere di alimentarmi con cibi sani o Junk food (cibo spazzatura).

Dunque, su quale base scelgo un alimento piuttosto che un altro?

Nella storia dell'evoluzione dell'uomo, secondo l'antropologia dell'alimentazione, si selezionavano naturalmente per istinto i cibi più calorici e più grassi per sopperire alla mancanza di cibo nei periodi di carestia. Della storia il nostro corpo, nei geni ne ha ancora memoria, anche se oggi il cibo non scarseggia!!! Quindi per la scelta di un alimento sano o di un alimento spazzatura, l'uomo segue sempre l'impulso, e proprio per questo si tendono a scegliere cibi densamente calorici che soddisfano il gusto, ma non la fame!

  • Fame nervosa: riguarda una risposta personale, non c'è esigenza fisica di alimentarci, ma in questo caso il cibo ha un'azione compensatoria e consolatoria (combattere lo stress).

Fame nervosa fame Fame, cos’è? fame nervosa

Si ha più l'esigenza di riempire un vuoto incolmabile, che non proviene dallo stomaco, ma dalla testa (per questo motivo si parla di fame insaziabile), ovvero un vuoto “psicologico”, che porta alla ricerca compulsiva di cibo spazzatura. Questo perché ogni evento negativo, demoralizzante, frustrante, genera stress, esso stimola la ghiandola surrenale a produrre il cortisolo (ormone dello stress) che arriva al cervello e innesca l'ormone corticotropo a secernere acetilcolina e lo stomaco a produrre succhi gastrici.

Quindi, quali sono le strategie da mettere in atto?

Onde evitare di creare una dipendenza da cibo spazzatura, bisogna limitare:

  • consumo di farina bianca
  • grassi e zuccheri
  • carni lavorate o trasformate

Si consiglia dunque sfamarsi con cibi più sani che aiutano anche a sentirsi gratificati nell'animo e di aumentare:

  • consumo di cereali integrali affinchè aumenti il senso di sazietà
  • consumare agli spuntini frutta secca ricca di minerali, fibre e acidi grassi necessari per la salute
  • consumo di yogurt agli spuntini
  • frutta fresca ricca di acqua e di minerali utili al nostro organismo

…e perchè non consolarsi con 15 gr di cioccolato fondente al giorno?

Il cioccolato aiuta a sollevare l'umore e a sentirsi più felici ed appagati.

Ricordate inoltre che fare attività fisica aiuta a combattere stress, ansia e a vivere più in forma ed in salute!

 

Fame,cos'è? Dott.ssa Francesca Emilia Mandato

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo device, iscriviti subito.

Lascia una risposta